Home Attualità Salvano Sallusti e censurano il WEB. No al nuovo bavaglio della legge sulla diffamazione
Salvano Sallusti e censurano il WEB. No al nuovo bavaglio della legge sulla diffamazione

Salvano Sallusti e censurano il WEB. No al nuovo bavaglio della legge sulla diffamazione

1
0

SALVANO SALLUSTI E CENSURANO IL WEB

No al nuovo bavaglio della legge sulla diffamazione


 

Lo diciamo senza paura : meglio il carcere (dove tra l'altro non ci sarebbe mai andato) per Sallusti (che ha diffamanto gravemente) che il bavaglio per tutto il WEB e per l'informazione dal basso.

Approfittando della discussione in merito alla norma, forse sbagliata, che prevede il carcere per i giornalisti che diffamamano il Parlamento sta approvando, in pratica senza alcuna discussione, una legge che compromette pesantemente la libertà della rete e minaccia il giornalismo di inchiesta.

Pene pecuniarie spropositate sostituiscono il carcere. Si tratta di previsioni che non impensieriscono editori potenti come Berlusconi o De Benedetti ma taglieranno le gambe a chiunque volesse impegnarsi in imprese editoriali di piccola o media dimensione.

La norme sulla smentita e la rimozione del contenuto su semplice richiesta della controparte sono di fatto intimidatorie per le piccole testate e per il web.

Bisogna far partire in poche ore una mobilitazione che blocchi questa legge se non al Senato per lo meno alla Camera.

Chiediamo alle forze politiche democratiche, ai candidati alle Primarie, alle forze di opposizione di prende posizione e fermare questo attacco alla libertà di stampa della rete.

L'Associazione LiberaRete

 

 

 

 


Pubblichiamo qui il comunicato della FNSI

Federazione Nazionale della Stampa Italiana

Roma, 25 ottobre 2012
 

Il Segretario Generale della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Franco Siddi, ha dichiarato:

“L’intesa sul progetto di legge relativo alla diffamazione a mezzo stampa appare un’intesa tutta loro, un equilibrio tra spinte politiche che non adegua il nostro Paese ai canoni delle più avanzate democrazie a tutela della libertà di stampa e a garanzia reale dei diritti dei cittadini. Si tratta di una mediazione tra emendamenti tutti inaccettabili, punitivi e lesivi del diritto di cronaca e inidonei a ripristinare la dignità di persone danneggiate da eventuali errori o orrori di stampa. L’unica nota positiva, la cancellazione del carcere dalle pene previste per la diffamazione, è “scambiata” con l’inasprimento di tutte le altre pene possibili, che, pur “addolcite” rispetto a qualche proposta perfino demenziale, hanno un carattere fortemente dissuasivo verso un giornalismo che voglia scavare seriamente nel bacino delle notizie più inquietanti della vita pubblica. Restano in piedi, contemporaneamente, infatti la responsabilità penale, la responsabilità civile, le multe in sede penale e l’indennizzo in sede civile oltre a nuovi vincoli sparsi qua e là. Eliminare il carcere non è sufficiente per dire che siamo in presenza di una buona legge. E’ incredibile che sui principi di libertà del diritto all’informazione e della responsabilità etica del giornalismo si pensi di poter trattare la materia come un qualsiasi negoziato sulle poltrone. Sicuramente vanno ringraziati tutti quei parlamentari che si stanno battendo con coerenza e rigore. Se non si è in grado di fare una legge buona e giusta, però, si proceda intervenendo solo sul punto su cui tutti sono d’accordo: l’abolizione del carcere, come anche il primo firmatario dell’ipotesi di nuova legge, il Senatore Vannino Chiti, va sostenendo dopo l’emersione di sentimenti di rivalsa e odio di tutti gli sconfitti della legge sulle intercettazioni. Se non si vogliono  ascoltare le ragionevoli istanze dei giornalisti e di decine di associazioni e migliaia di cittadini, si ascolti almeno il Ministro della Giustizia Severino sull'istituto della rettifica documentata e si valuti la portata innovativa del Giuri per la lealtà dell'informazione, proposta  sin qui scartata senza alcuna giustificazione. La Fnsi prepara perciò altre iniziative di raccordo con i cittadini per difendere la libertà e la responsabilità etica dell'informazione.”


__________________________________________________________
CORSO VITTORIO EMANUELE II 349 – 00186 ROMA – TEL. 06/680081 FAX 06/6871444
sito: www.fnsi.it – e-mail: segreteria.fnsi@fnsi.it

 

(1)

LiberaRete Associazione di Promozione sociale LiberaRete

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti