Home Cultura Teatro RomaEuropa Festival: Operetta burlesca. L’essenziale visibile agli occhi
RomaEuropa Festival: Operetta burlesca. L’essenziale visibile agli occhi

RomaEuropa Festival: Operetta burlesca. L’essenziale visibile agli occhi

3
0

Il desiderio omosessuale e il suo martirio sociale

Emma Dante al Teatro Vittoria

Articolo di Anna Maria Bruni


 

Operetta Burlesca Corpi. Corpi vivi, che trasudano il sentire dell’anima tanto quanto la cultura di cui sono imbevuti. Sbattuti in faccia agli astanti, mentre accompagnano una storia semplice, anzi la storia più banale che si possa immaginare in fatto di omosessualità, si impongono allo sguardo scavallando il giudizio per essere guardati così come sono. Nudi, veri, pelli tese, muscoli, pance sfatte, seni morbidi, cazzi, fica, schiene, culi. Generi che si scambiano e che non appartengono ma sono appartenuti.

Per questo Pietro, mentre ci racconta la sua storia di scoperta dell’omosessualità, il conflitto con i genitori, l’incontro fatale, l’amore della vita e la scoperta della doppia vita di lui, sposato e con figli, che lo sfancula non appena prova ad andarselo a prendere a casa, si mostra nel doppio genere attraverso il suo corpo e i costumi che indossa, tipici del burlesque, spogliando via via quattro bambole gonfiabili anch’esse bisex, mentre il suo alter-ego, nelle vesti di una ballerina, si spoglia di quelli continuando il suo girotondo fantastico fino ad essere finalmente nuda insieme al suo Lui. E altrettanto farà il genitore, ora padre ora madre, più spesso madre mentre si apre la camicia mostrando il petto villoso, la pancia, i rotoli, alternando le voci ora alta ora bassa in un vero burlesque oltre il genere.

L’operetta burlesca diventa così ancor più feroce nella sua leggerezza, così azzeccata per un dramma umano e sociale senza consolazione, tanto più perché mostrato nel totale smascheramento della doppiezza, sostenuto dalla nudità della scena, dal gioco che penetra l’anima, dal sentimento che mostra l’inconsistenza del genere. Mentre nel riconoscimento di sé incontra la desolazione, dentro un girotondo esaltante e sanguinante, come la vita stessa.
Ancora una volta Emma Dante, dietro una risata e un volànt, essenziale.
Roma, 29 Ottobre 2015

(3)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti