Home Cultura LA FRANCIA IN SCENA : 150 date per 30 città italiane

LA FRANCIA IN SCENA : 150 date per 30 città italiane

49
0

Al via “La Francia in scena”, presentata la seconda edizione

di Anna Maria Bruni


 

La francia in scenaMusica, danza, teatro, circo contemporaneo, performance, fotografia, design, architettura, arte contemporanea, street art, spettacoli per ragazzi: da maggio a novembre 150 date per 30 città italiane da nord a sud, isole comprese, accenderanno i fari sulla scena artistica francese.

E’ la seconda edizione di “La Francia in scena”, presentata questa mattina in conferenza stampa a Palazzo Farnese da Eric Tallon, Consigliere dell’Ambasciata di Francia in Italia e Direttore dell’Institutes français Italia e Anouk Aspisi, Addetta culturale dell’Institutes français Italia e Segreteria generale della Fondazione Nuovi Mecenati.

La stagione artistica dell’Institut français Italia è realizzata su iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, con il sostegno dell’Institut français e del Ministère de la Culture et de la Communication con il suo omologo italiano, della Fondazione Nuovi Mecenati, della Sacem Copie Privée, della Commissione Europea (Creative Europe) e del Ministero dell’Istruzione italiano dell’Università e della Ricerca.

Inoltre, – ci tengono a sottolineare gli organizzatori – la realizzazione del progetto è frutto anche del continuo dialogo con le principali reti artistiche. Milano Musica e Festival AngelicA di Bologna, le più importanti istituzioni del jazz italiano e francese – che a ottobre realizzeranno un progetto residenziale alla Casa del Jazz di Roma – e la cooperazione fra i conservatori dei due Paesi nel progetto pilota dedicato alla formazione superiore. E poi ancora i più importanti festival italiani di performing arts: Torino Danza, Romaeuropa Festival, Santarcangelo dei Teatri, Bolzano Danza, Drodesera, il Festival delle Colline Torinesi, il Napoli Teatro Festival, ma anche i festival di cultura contemporanea più alternativi come Spring Attitude, Outdoor, Robot Festival e Gender Bender.

Diversi gli obiettivi illustrati da Taillon: primo fra tutti la volontà di offrire la scena alla creatività  dei nuovi linguaggi multidisciplinari, in particolare attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie; dare attenzione ad un pubblico giovane offrendo “scambi educativi” con spettacoli specifici, ed in particolare la bella trovata – racconta Anouk Aspisi – del camion à histoires che ospiterà spettacoli al suo interno fermandosi sulle piazze. Unico neo al momento, non prevede alcuna forma promozionale per sostenere questa partecipazione. Inoltre, con 10 incontri tra conservatori italiani e francesi questa seconda edizione mira a raggiungere l’apprezzabile obiettivo – chiarisce ancora Taillon – “dell’internazionalizzazione dei diplomi”.

Il 7 maggio il pianista e compositore francese Cristophe Chassol darà il via all’edizione dal festival Fabbrica Europa di Firenze. Altra tappa di rilevo – sottolineano ancora gli organizzatori –il 21 giugno con La Festa della Musica, una serata speciale per celebrare il 60° anniversario del gemellaggio tra Parigi e Roma. Sul palco di piazza Farnese, davanti la sede dell’Ambasciata di Francia, si esibiranno il duo francese Brigitte e l’artista Carmen Consoli.

Partner principale di questo evento sarà Edison, che con l’Ambasciata di Francia in Italia applicheranno per la prima volta Edison Green Music, un vero e proprio protocollo per gli eventi musicali – spiega ancora Taillon – in grado di ridurne l’impatto ambientale attraverso soluzioni sostenibili.

Il progetto è stato sostenuto dalla convinzione “della forza dello spettacolo dal vivo e delle sue ricadute dirette nello sviluppo dell’economia e dell’occupazione” – spiegano – che in Francia produce un valore aggiunto di 11 miliardi di euro e che rappresenta da solo lo 0,36% dell’economia complessiva. Inoltre – aggiungono – è stato registrato uno sviluppo costante, con una produzione in crescita al tasso medio dell’1% annuo tra il 2008 e il 2014, fino a diventare “il secondo settore culturale, subito dopo l’audiovisivo e prima della stampa”.

Il programma completo su: http://institutfrancais-italia.com

(49)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti