Home Attualità Politica REFERENDUM SOCIALI – Servono 600.000 firme – Banchetti in tutte le città

REFERENDUM SOCIALI – Servono 600.000 firme – Banchetti in tutte le città

177
0

600.000 FIRME PER I REFERENDUM SOCIALI

Presentata a Roma la Campagna di raccolta ed il Firma Day del 14 e 15 maggio

Libera.tv era presente alla conferenza stampa ed ha raccolto gli interventi di Piero Bernocchi – portavoce Cobas, Marina Boscaino – LIP, Paolo Carsetti – Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua, Stefano d’Errico – Unicobas, Danilo Lampis – Unione degli Studenti, Massimo Piras – Comitato SÌ blocca inceneritori, Raffaele Salomone Megna – Gilda

 


 


Cinque anni dopo la straordinaria vittoria referendaria del 2011, il governo Renzi e la maggioranza rilanciano i processi di privatizzazione del servizio idrico e dei servizi pubblici locali e cercano di cancellare definitivamente il contenuto politico-culturale di un pronunciamento democratico del popolo italiano, che ha affermato il principio che l’acqua è un bene comune.

Questo attacco prevede:

– lo stravolgimento della legge d’iniziativa popolare sulla gestione pubblica dell’acqua, presentata con oltre 400.000 firme nel 2007, con una serie di modifiche che eliminano ogni riferimento alla ripubblicizzazione del servizio idrico integrato e alla sua gestione partecipativa;

– la pubblicazione del Testo Unico sui servizi pubblici locali (decreto attuativo della Legge Madia sulla riorganizzazione della pubblica amministrazione – n. 124/2015), con l’obiettivo di: ridurre la gestione pubblica dei servizi ai soli casi di stretta necessità e di vietarla per quelli a rete, come il servizio idrico; di rafforzare il ruolo dei soggetti privati; di promuovere la concorrenza; di reintrodurre il principio dell’”adeguatezza della remunerazione del capitale investito” nel calcolo della tariffa, proprio la dicitura che il referendum aveva abrogato.

Contro questo progetto lanciamo una campagna contro le privatizzazioni e i monopoli privati, per una gestione pubblica e partecipativa dell’acqua e dei beni comuni, e raccogliamo le firme a sostegno di una petizione popolare in cui chiediamo:

il riconoscimento dell’esito referendario sull’acqua e sui servizi pubblici locali del giugno 2011;

– il ritiro dei decreti attuativi della legge Madia sulle aziende partecipate e sui servizi pubblici locali;

– l’approvazione della proposta di legge “Principi per la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque e disposizioni per la ripubblicizzazione del servizio idrico”, nel testo originario;

– l’avvio di una discussione parlamentare per l’inserimento del diritto all’acqua nella Costituzione.

www.referendumsociali.info

 

(177)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti