Home Attualità Politica REFERENDUM COSTITUZIONE : Le ragioni sociali del NO

REFERENDUM COSTITUZIONE : Le ragioni sociali del NO

152
0

ITALIA REPUBBLICA PRECARIA

Verso il referendum costituzionale: le ragioni sociali del NO

Interviste di Libera.Tv a Giorgio Cremaschi, Pierpaolo Leonardi e Carlo Guglielmi


 Italia repubblica precariaIniziativa pubblica promossa dal Forum Diritti Lavoro con Usb

Giovedì 23 giugno 2016 ore 15 – Centro Congressi Cavour – Roma

Il Convegno si propone di affrontare le proposte di modifica alla Costituzione dal punto di vista dei lavoratori e del diritto del lavoro. Tali modifiche determinerebbero un restringimento sostanziale degli spazi di partecipazione e democrazia nel nostro Paese, con effetti pesanti sul mondo del lavoro, già penalizzato in modo eccessivo da leggi ed accordi che negli anni hanno ridotto democrazia e reale rappresentanza.


 

Presiedono Paolo Leonardi, Sergio Bellavita e Fabrizio Burattini

Introduce Giorgio Cremaschi

RELAZIONI

Sovranità popolare contro premierato assoluto

Gaetano Azzariti – Prof. Diritto Costituzionale

Diritti e conflitto collettivo contro dominio assoluto dell’imprenditore nell’Italia del Jobs Act

Carlo Guglielmi – Avvocato e Presidente Forum Diritti Lavoro

Per una rappresentanza politica costituzionale

Claudio De Fiores – Prof. Diritto Costituzionale

Per una rappresentanza sindacale costituzionale

Antonio Di Stasi – Prof. di Diritto del Lavoro – Forum Diritti Lavoro

Riforma Renzi – Boschi: la centralizzazione dei poteri

Laura Ronchetti – Costituzionalista

Riforma Renzi – Il lavoro nelle pubbliche amministrazioni al tempo delle riforme

Arturo Salerni – Avvocato Forum Diritti Lavoro

Conclude Franco Russo

(152)

LiberaRete Associazione di Promozione sociale LiberaRete

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti