Home Attualità Esteri VENEZUELA : LA PAROLA ALLA DIFESA – Intervista all’Ambasciatore in Italia

VENEZUELA : LA PAROLA ALLA DIFESA – Intervista all’Ambasciatore in Italia

180
3

VENEZUELA : LE VERITA’ SCOMODE

Intervista a Isaias Rodriguez Diaz, Ambasciatore del Venezuela in Italia


isaias rodriguez diazDi fronte a tutto il sistema dei media, anche italiani, che continua a raccontare la sua “verità” sul Venezuela il governo bolivariano cerca di far conoscere la propria opinione. Abbiamo seguito la conferenza stampa “Asedio a la Paz en Venezuela” che si è tenuta il 13 giugno 2017 a Roma presso i locali dell’Ambasciata della repubblica bolivariana del Venezuela in Italia. Nell’occasione il direttore di Libera.Tv Iacopo Venier ha realizzato questa intervista con l’Ambasciatore Isaias Rodriguez Diaz. Le risposte del diplomatico descrivono una realtà ben diversa da quella che viene descritta dai grandi mezzi di informazione. Si spiega che gli scontri sono circoscritti e riguardano le zone più ricche del paese, si ricostruisce il tentativo di dialogo voluto anche dal Vaticano che oggi trova la forma della proposta di Costituente, si denuncia la natura terroristica di parte dell’opposizione ed il suo legame con gli interessi della multinazionali del petrolio. Un punto di vista, quello del governo progressista del Presidente Maduro, che deve essere conosciuto. La guerra mediatica in corso infatti, come la Storia insegna, è la premessa di aggressioni interne o esterne che possono trasformare il Venezuela in una nuova Siria.


Alleghiamo il video proiettato nella Conferenza Stampa che riscostruisce, con immagini praticamente introvabili, la situazione venezuelana dove la realtà sembra davvero capovolta nella narrazione dei media internazionali

 

(180)

LiberaRete Associazione di Promozione sociale LiberaRete

Comment(3)

  1. Ma l’ ambasciatore lo sa che sono a 70 morti? lo sa che le stesse manifestazioni le fanno i centri sociali da noi e la polizia non li uccide? Lo sa che il suo ministro (non un fascista reazionario) ha chiesto alla guardia nazionale bolivariana di fermare le atrocità? lo sa che il supremo tribunale eletto appena prima delle ultime elezioni (in cui i chavisti hanno perso la maggioranza in parlamento) ha dichiarato il nuovo parlamento illegittimo (perché le ds hanno la maggioranza) e ha bloccato il ricorso della Ortega contro il tentativo di maduro di cambiare la costituzione a suo vantaggio? Il regime di maduro è al collasso e non per le ds, per i fascisti, per gli USA ma molto piu banalmente perchè il popolo è alla fame, Cuba controlla i servizi segreti ed è infiltrata nell esercito e i chavisti stanno svendendo a Russia e Cina i beni del Venezuela.

    1. Proprio su questi temi si è svolta la conferenza stampa. Durante l’incontro sono stati diffuse foto e documenti, che dimostrano come molte delle uccisioni non sono avvenute durante le manifestazioni. E’stato presentato poi un documentato studio da cui appare chiaro che tra questi 70 morti si calcolano anche gli assassinati dall’opposizione o i caduti tra i membri della polizia oltre a persone che hanno perso la vita per le conseguenze delle manifestazioni e non in ragione della azione della polizia. E’ stato anche espresso tutto il dolore per ognuna di queste morti e data la notizia che sono aperte diverse inchieste contro componenti della guardia nazionale bolivariana per alcuni episodi di violenza gratuita. Per quanto riguarda la svendita di beni verso Russia e Cina devono essere fornite le prove. Provato invece è il tentativo degli USA di provare a controllare in ogni modo, anche attraverso diversi falliti colpi di stato, il Governo del Venezuela. Un governo, quello di Maduro, frutto di libere elezioni e che scade nel 2018.

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti