Home Attualità Ambiente ECOSIA : L’alternativa a Google cresce e ci aiuta a salvare la Terra

ECOSIA : L’alternativa a Google cresce e ci aiuta a salvare la Terra

50
0

ECOSIA : NAVIGARE PULITI SI PUO’

Un motere di ricerca che aiuta a salvare la Terra combattendo la deforestazione

di Pietro Venier


Nell’ormai lontano 2009 Christian Kroll, uno studente di economia aziendale a Norimberga, ventiquattrenne, tedesco, originario di Wittemberg, è stanco di un ambiente nel quale secondo lui: ” la maggior parte delle persone vede il profitto come il solo valido obbiettivo di un’attività ” e decide così di lasciarsi tutto alle spalle e partire per un viaggio intorno al mondo, desideroso di “sfruttare le sue energie per qualcosa di più significativo”. Visita India e Thailandia e successivamente arriva in Nepal dove gli viene l’idea di creare “Xabbel”, un motore di ricerca locale che avrebbe dovuto aiutare a racimolare fondi da destinare a progetti locali di varie organizzazioni non governative. Senza però una connessione stabile e con una media di quattro ore al giorno di elettricità il progetto fallisce ma l’idea di progettare un motore di ricerca in grado non solo sostenerlo economicamente ma anche di fare del bene è ormai entrata stabilmente nella testa di Kroll. Basta una successiva tappa del suo viaggio, quella in Argentina e Brasile, per fargli capire a quale settore si sarebbe dovuto rivolgere questo motore di ricerca. Qui infatti Kroll ha la possibilità di vedere dal vivo gli effetti della deforestazione e di partecipare ad alcuni progetti di riforestazione, da qui alla fondazione di Ecosia il 7 dicembre 2009 il passo è breve.

Un’idea semplice ma geniale: sfruttare le pubblicità legate alle ricerche per generare introiti che permettono a Ecosia di sopravvivere e continuare a rincorrere il suo obbiettivo: piantare un miliardo di alberi entro il 2020. Ogni mese infatti almeno l’80% del surplus incassato, equivalente a più o meno il 50% degli incassi totali, viene indirizzato a progetti di riforestazione in giro per il mondo e tutto ciò è fatto in maniera limpida e trasparente: vengono infatti pubblicati mensilmente i report che indicano quanti soldi sull’incasso totale sono stati indirizzati a i vari progetti di riforestazione ed anche quale somma è stata destinata a ciascun progetto. Basta dare un’occhiata a questi report per notare quanto Ecosia dal 2009 ad oggi sia cresciuta e, soprattutto che grande spinta abbia avuto negli ultimi anni (tra il giugno 2015 e il giugno 2017 ha più che ottuplicato il proprio fatturato), diventando un’iniziativa di livello mondiale. La piccola squadra capitanata da Kroll (parliamo di una ventina di persone in tutto) sta funzionando perfettamente e ciò è dimostrato anche dal fatto che Ecosia nell’aprile 2014 è diventata la prima B Corporation tedesca (uno standard riconosciuto da una terza parte che richiede alle aziende di rispettare elevate performance di sostenibilità sociale e ambientale).

Impegno Sociale (i progetti di riforestazione vengono scelti anche in modo da aiutare le comunità locali ad emanciparsi economicamente) ed Ambientale, sono queste le parole chiave che fanno di Ecosia, un’iniziativa encomiabile e che permette a chiunque di avere uno strumento in più per combattere la lotta al cambiamento climatico ed in favore dell’ambiente.

https://www.ecosia.org/

(50)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti