Home Idee Materiali ARCHIVIATO : online il documentario per capire la lotta NO TAV e la repressione in Italia

ARCHIVIATO : online il documentario per capire la lotta NO TAV e la repressione in Italia

98
0

“ARCHIVIATO”: l’obbligatorietà dell’azione penale in Valsusa

Dopo due anni oggi è anche online il documentario prodotto nel 2016 e che tanto ha fatto discutere

Articolo di Pietro Venier


 

Storie NO TAVNo TAV Info ha messo finalmente online il documentario che nel 2016 è stato realizzato da : Controsservatorio Valsusa; Antigone – per i diritti e le garanzie del sistema penale; A buon diritto – associazione per le libertà; Associazione Nazionale Giuristi Democratici; L’altro diritto – Centro di documentazione su carcere, devianza e marginalità. Mentre si sviluppa la discussione sul caso Cucchi, anche grazie al film “Sulla mia pelle” il movimento No TAV ha scelto di diffondere questo importante strumento che aiuta, chi vuole aprire gli occhi, a sapere quale è stata ed è tutt’ora l’intensità della repressione che hanno subito i militanti contro l’alta velocità Torino Lione. Nell’indifferenza di gran parte dell’opinione pubblica democratica moltissimi casi di violenze subite dai manifestanti da parte delle forze dell’ordine sono stati sistematicamente archiviati. Nello stesso tempo un pool di magistrati si occupava specificamente di istruire processi contro centinaia di persone impegnate nel movimento NO TAV. Una disparità di trattamento che ha indignato le associazioni produttrici del documentario, associazioni che da sempre si battono per lo stato di diritto e contro ogni abuso di potere. La questione posta dal docufilm non è quindi se sia o meno giusta la TAV ma se in Italia siano state rispettate le libertà democratiche di chi a questo progetto si oppone. Questo video è stato proiettato in molte occasioni pubbliche suscitando sempre aspre reazioni ma mai, a detta dei No Tav, la disponibilità delle autorità accusate ad un confronto in contraddittorio. L’iniziativa di rendere disponibile a tutti direttamente il video vuole dare l’occasione a tutti di farsi una opinione.


Sinossi

Il video, che ha fruito della collaborazione, tra gli altri, di Elio Germano come voce narrante, nasce dall’esigenza di raccontare uno dei molteplici risvolti giudiziari legati alla lotta popolare valsusina.

Come in tutte le aree di acuito conflitto sociale la contrapposizione, ed a volte lo scontro fisico, tra coloro che protestano e le forze dell’ordine determina l’intervento dell’Autorità Giudiziaria chiamata a perseguire gli autori di condotte violente o comunque illecite da chiunque agite, manifestanti o agenti di polizia.

L’art. 112 della Costituzione sancisce che “il Pubblico Ministero ha l’obbligo di esercitare l’azione penale”: ciò significa che la Procura è tenuta ad indagare su ogni notizia di reato venga denunciata o giunga alla sua attenzione e che ha poi il dovere di chiedere al giudice di verificarne, in un pubblico processo, la fondatezza.

Tale principio è posto a garanzia dell’uguaglianza dei cittadini ed ha lo scopo dichiarato di eliminare ogni possibile valutazione discrezionale del Pubblico Ministero sulle notizie di reato che pervengono alla Procura della Repubblica.

Naturalmente tale imprescindibile obbligo trova un ovvio e giustificato temperamento nella possibilità del Pubblico Ministero di richiedere l’archiviazione di un procedimento penale tutte le volte in cui le indagini che ha svolto abbiano accertato l’infondatezza della notizia di reato o l’impossibilità oggettiva di attribuirla ad un autore.

L’idea del filmato nasce dalla constatazione di come gli illeciti commessi da agenti e funzionari di pubblica sicurezza ai danni di manifestanti o fermati, ampiamente documentati dai media, non determinino i medesimi esiti giudiziari di quelli commessi dai manifestanti.

Nel contenuto ma emblematico contesto valsusino tale discrasia assume caratteri macroscopici: centinaia di denunce e procedimenti penali avviati nei confronti di attivisti e simpatizzanti del Movimento Notav, anche e soprattutto per reati bagatellari, trovano immancabile sbocco in processi e sentenze, mentre le decine di querele, denunce ed esposti per gli abusi compiuti dalle forze dell’ordine, anche gravemente lesivi dei diritti e dell’incolumità dei manifestanti, non sono mai giunti al vaglio di un processo.

Il documentario “ARCHIVIATO. l’obbligatorietà dell’azione penale in Valsusa” affronta dunque il delicato tema della tutela giudiziaria delle persone offese dai reati commessi dagli agenti e dai funzionari appartenenti alle varie forze dell’ordine e per farlo si avvale di immagini e documenti, per lo più inediti.

Il filmato, all’inevitabile e drammatica rappresentazione delle violenze subite dai manifestanti nel corso delle operazioni di ordine pubblico condotte dalla polizia in Valsusa, fa seguire la narrazione del successivo iter processuale sino al suo disarmante e preoccupante epilogo.

Il lavoro è stato realizzato con il patrocinio di cinque associazioni:

Controsservatorio Valsusa;
Antigone – per i diritti e garanzie del sistema penale,
A buon diritto – associazione per le libertà
Associazione Nazionale Giuristi Democratici
L’altro diritto – Centro documentazione su carcere, devianza e marginalità.


Per info : https://archiviatoblog.wordpress.com

Per organizzare una presentazione del documentario o per ricevere informazioni potete scriverci una mail.

Email: archiviato.valsusa@gmail.com

 

(98)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti