Home Attualità Economia La Cina sarà il maggior consumatore di petrolio iracheno
La Cina sarà il maggior consumatore di petrolio iracheno

La Cina sarà il maggior consumatore di petrolio iracheno

14
0

La Cina sarà il maggior consumatore di petrolio iracheno.


 

Giornale del Popolo online:

http://spanish.peopledaily.com.cn/31621/8106237.html

La multinazionale statunitense Exxon Mobil vuole vendere parte del suo sfruttamento petrolifero nel Qurna occidentale (Irak) e PetroChina, ramo della China National Petroleum, è interessata all'acquisto del 60% per un valore di 50.000 milioni di dollari, secondo lanci di vari agenzie.

Un funzionario di China National Petroleum ha detto che non è stata ancora resa pubblica la notizia, e dal canto suo la Exxon Mobil non ha commentato.

Senza dubbio, altro esperto nell'industria petrolchimica che lavora in un'organizzazione associata alla China National Petroleum ha confermato a questo giornale che la compagnia ha mostrato un grande interesse nell'acquisto delle azioni della Falda 1 del giacimento di Qurna Occidentale.
 
L'esperto ha detto che da quando China National Petroleum ha firmato un accordo con il Ministero del Petrolio dell'Irak per lo sviluppo dello sfruttamento petrolifero di Al-Ahdab nel novembre 2008, la compagnia ha accumulato una grande esperenza in Irak.

Come uno dei giacimenti di petrolio più grandi dell'Irak, la falda 1 di Qurna occidentale ha riserve  per circa 10/15.000 milioni di barili, con una produzione giornaliera di 1 milione di barili. 

China National Petroleum ha tre progetti di sfruttamento petrolifero in Irak: Al Ahdab, Rumalia e Halfya, con una produzione totale giornaliera di 1,6 milioni di barili. Questa cifra rappresenta circa la metà della produzione totale del paese.

 

La produzione di petrolio in Irak supererà i 6 milioni di barili giornalieri nel 2020 e ci si attende che raggiunga gli 8 milioni giornalieri nel 2035, secondo un'informativa dell'Agenzia Internazionale dell'Energia.

La stessa agenzia ha affermato che la Cina si trasformerà in un grande consumatore di petrolio dell'Irak e continuerà a investire nell'infrastruttura di produzione petrolifera. Un esperto cinese ha sottolineato però che investire nell'industria petrolifera in Irak comporta al ti rischi dovuti all'attuale situazione di instabilità politica del paese. 

 

"I giganti del petrolio di altri paesi hanno già sfruttato al massimo i giacimenti di altre regioni del mondo, lasciando poche opportunità alle imprese cinesi" ha affermato Lin Boquiang, direttore del Centro Ricerche di Economia e Energia, appartenente all'Università di Xiamen.

La produzione di petrolio in Cina nel 2012 è arrivata a 207 milioni di tonnellate, registrando una crescita del 1,9% secondo i dati della Federazione Cinese di logistica e acquisti; mentre nel dicembre scorso ha raggiunto un record di 18 milioni di tonnellate, un aumento del 5,6% rispetto l'anno precedente.

La crescita del PIL cinese è aumentato dal 7,4% del terzo trimestre 2012 al 7,9% del quarto trimestre. 

 


Traduzione a cura di Puntocritico Onlus


 

(14)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti