Home Società Immigrazione ITALIANI SENZA CITTADINANZA : Approvare subito lo IUS SOLI

ITALIANI SENZA CITTADINANZA : Approvare subito lo IUS SOLI

101
0

LA LEGISLATURA STA FINENDO : APPROVARE SUBITO LO IUS SOLI

Gli italiani senza cittadinanza non smettono di lottare per il proprio diritto

Articolo di Pietro Venier

Video a cura di Arci Nazionale


Ius Soli sono italianoO la va o perdono tutti. La lunghissima battaglia per ottenere l’approvazione dello Ius Soli è al momento della verità. La legislatura è agli sgoccioli ma è ancora possibile approvare questa legge di civiltà. Sono in migliaia, gli italiani senza cittadinanza, ad aspettare un atto di coraggio da parte della politica. Bisogna solo prendere atto della realtà. In Italia ci sono centinaia di migliaia di bambini e ragazzi che vanno a scuola, che giocano, che vivono la nostra società, uguali ai loro coetanei in tutto tranne che nei diritti. Italiani nati qui ma senza cittadinanza. Cittadini di serie B fino a quando non verrà riconosciuto anche dalla legge che hanno i nostri stessi diritti ed i nostri stessi doveri. La legge in discussione non è perfetta. E’ già il frutto di un compromesso al ribasso. Eppure è fondamentale che questa legislatura la approvi. Forze politiche di governo e di opposizione dovrebbero far fronte comune per chiudere la partita. Contro chi soffia sul fuoco del razzismo la sola risposta possibile è il coraggio di andare avanti sulla strada del progresso e della uguaglianza. Il video che pubblichiamo, prodotto dall’ARCI nazionale, ripercorre alcune delle iniziative che in questi mesi hanno animato la campagna per ottenere lo ius soli. Decine di appuntamenti, di manifestazioni, di dibattiti, di incontri che hanno chiarito che qui non si tratta affatto di aprire le porte ad una invasione ma di impedire una terribile ingiustizia. Se il Parlamento non avrà la forza di fare questa scelta non solo avranno vinto i razzisti ma avrà costruito le condizioni perchè la speranza di queste ragazze e ragazzi si possa trasformare in delusione, frustrazione, rabbia. Il momento è adesso.

 

(101)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti