Home Attualità Politica ACQUA PUBBLICA : LA RAGGI SFRATTA E PRIVATIZZA

ACQUA PUBBLICA : LA RAGGI SFRATTA E PRIVATIZZA

248
0

ACQUA PUBBLICA : LA RAGGI CACCIA IL FORUM BENI COMUNI E PRIVATIZZA

A 6 anni dal Referendum oggi sgomberata la sede del Forum Acqua pubblica mentre la Raggi annuncia la vendita di quote di ACEA


 

Sgombero Rialto OccupatoAl Rialto Occupato sino ad oggi c’era la sede del Forum per l’Acqua Pubblica ed i Beni Comuni. Era il quartier generale della struttura che ha raccolto milioni di firme per la legge di iniziativa popolare ed ha poi organizzato e vinto lo straordinario referendum a difesa dell’Acqua pubblica e dei Beni comuni. Priprio a 6 anni esatti da quella straordinaria vittoria è arrivato lo sgombero imposto dalla Giunta dei 5 Stelle di Roma. La Sindaca Raggi non solo ha mandato per ben due volte i vigili a cacciare i militanti dei movimenti sociali e delle associazioni ospitate al Rialto ma insieme alla repressione ha tentato anche una manovra dal chiaro intento clientelare approvando un bando per l’assegnazione di uno spazio che poteva essere vinto solo dal Forum. La risposta è arrivata ed è stata netta. Non accettiamo la repressione e non accettiamo di entrare in un meccanismo di favori. Il Forum italiano per l’Acqua pubblica ha sgomberato i locali e si prepara ad una settimana di mobilitazione in piazza. Oggi al Rialto c’è stata tanta tristezza ma anche tanta rabbia contro una amministrazione che, a parole, aveva promesso di lottare con i cittadini per l’Acqua pubblica ed invece nei fatti sta andando alla privatizzazione di una quota importante dell’azienda municipalizzata ACEA che a Roma gestisce il servizio idrico. Rabbia e tristezza che però non significano rassegnazione. Nelle parole di Carsetti, intervistato dal direttore di Libera.Tv Jacopo Venier, e nelle lacrime di Simona Savini, il cui intervento pubblichiamo integralmente, c’è l’annuncio di una lotta che continua. Sempre per i beni comuni e la democrazia dal basso. Ora anche contro la Raggi ed il suo partito.


Il toccante intervento di Simona Savini


Il Comunicato del Forum Acqua Pubblica

 TUTTE E TUTTI SIAMO

IL FORUM ITALIANO DEI MOVIMENTI PER L’ACQUA

A pochi giorni dal sesto anniversario della vittoria referendaria per l’acqua bene comune, stiamo assistendo non solo alla pervicace non attuazione di quella decisione popolare sovrana, bensì all’attacco diretto a chi quell’esperienza ha promosso, costruito, fatto vivere in maniera reticolare in tutti i territori del paese, fino a farla divenire maggioritaria a livello nazionale.

Dietro un’astratta e malintesa idea di legalità, l’Amministrazione comunale di Roma Capitale ha difatti sgomberato l’edificio del Rialto, sede storica del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua e di tante altre realtà associative, cittadine e nazionali.

Vogliamo dirlo con grande chiarezza: quello che sta succedendo al Forum italiano dei movimenti per l’acqua riguarda tutte e tutti.

Perché è un luogo che tutte e tutti abbiamo attraversato, imparando a conoscerci reciprocamente e a lavorare assieme, mettendo le nostre differenze al servizio di un grande obiettivo comune.

Perché è un luogo dentro il quale abbiamo sperimentato e praticato una straordinaria esperienza di partecipazione dal basso, che ha attivato milioni di persone in ogni territorio del paese, con l’entusiasmo di chi può finalmente cambiare il presente e costruire un futuro diverso.

Perché è un luogo dentro il quale è stata aperta la breccia dei “beni comuni” dentro il muro decennale del “pensiero unico del mercato”, della riappropriazione sociale dentro la mercificazione della vita, della condivisione orizzontale dentro il sistema della competizione individuale.

Dentro l’esperienza del movimento per l’acqua, si è mossa una nuova generazione di attiviste e di attivisti, capace di guardare il mondo dalla parte giusta e di saperne comunicare l’orizzonte a tutte le persone, fuori dai grandi mass media, senza padrini politici né risorse economiche.

Chiudendo la sede del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua, la giunta di Roma Capitale non sgombera soltanto un ufficio, alcune scrivanie, qualche computer, colpisce direttamente l’esperienza collettiva di tante donne e uomini che lì hanno imparato ad affrontare il mondo con la mente e con il cuore, seguendo l’incomprimibile desiderio di volerlo cambiare.

Non ci sarà nessun orizzonte per chi costruisce un deserto sociale chiamato legalità.

Per questo saremo tutte e tutti presenti il 12 e 13 giugno, sesto anniversario della straordinaria vittoria referendaria per l’acqua e i beni comuni, alle iniziative del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua.

Ci saremo per dire che nessuno sgombero potrà fermare un’esperienza, che nessuna procedura burocratica può bloccare un cammino comune, che nessun potere può fermare la potenza di chi non crede che questo sia l’unico mondo possibile.

Saremo tante e tanti. Liberi, trasparenti e sempre in movimento. Come l’acqua.

(248)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti